fbpx
stop al dolore

Rottura del capo lungo

Localizzazione del dolore nella rottura del capo lungo
Localizzazione del dolore nella rottura del capo lungo
L’articolo ti è stato d’aiuto?
condividilo sui canali social
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Il capo lungo del bicipite brachiale è una struttura che origina all’interno dell’articolazione della spalla in prossimità dell’apice superiore della glena dell’omero sul labbro o cercine glenoideo; insieme al capo breve, che parte dal processo coracoideo, forma il muscolo bicipite brachiale e si inserisce a livello del radio sotto il gomito.

Ha duplice funzionalità:

  • Flette e supina il gomito
  • Stabilizzatore secondario dell’articolazione della spalla (insieme alla cuffia dei rotatori)

Origina dall’interno della cavità glenoidea, esce dall’articolazione gleno-omerale della spalla contornando tutta la testa dell’omero e si immette nel solco bicipitale passando al di sotto del legamento coraco-omerale e omerale trasverso.

La rottura del tendine del capo lungo

In caso di rottura del tendine del capo lungo, a causa della propria origine e decorso anatomico, dovrà essere valutato quindi non solo il gomito ma anche la spalla.

Questo genere di patologia spesso è associata anche ad altre problematiche di spalla come tendiniti o tendinosi alla cuffia dei rotatori, instabilità di spalla o lesioni SLAP.

Colpisce in particolare 2 categorie di pazienti:

  1. Sportivi che praticano attività dove il braccio deve operare al di sopra del livello della testa “sport overhead” (pallavolo, tennis, pallamano, nuoto)
  2. Persone anziane che hanno già una degenerazione generalizzata di tutta l’articolazione della spalla

I meccanismi di lesione sono disparati. In molti casi si tratta di un momento di contrazione muscolare improvvisa in trazione o in compressione: raccogliere un oggetto che sta cadendo al volo, schiacciare un pallone, sollevamento di carichi molto pesanti.

Sintomi

La sensazione percepita dal paziente è come quella di un forte schiocco a livello della spalla e del braccio. Altri sintomi possibili:

  • Dolore intenso a livello della spalla
  • Impossibilità temporanea a muovere o alzare il braccio
  • Ematoma anteriore alla spalla
  • Sensazione di calore o gonfiore
  • Crepitii quando si muove la spalla
  • Dolore notturno
  • Tratto caratteristico è il cosiddetto “Segno di Popeye” (Braccio di ferro): il tendine cala verso il basso lasciando cadere anche parte del muscolo bicipite formando una protuberanza sul braccio.

In qualche caso la rottura del capo lungo del bicipite brachiale può essere anche senza sintomi.

Diagnosi

La diagnosi tendenzialmente è clinica. Il medico ortopedico già in prima valutazione può notare questa problematica. Talvolta si po’ avvalere di un esame ecografico nei casi di una rottura non completa per valutare l’entità della lesione e lo stato di salute della spalla e della cuffia dei rotatori.

Trattamento

A meno che non si tratti di un giovane atleta il trattamento per questo genere di patologia è conservativo fisioterapico. Il chirurgo opererà la spalla ritensionando il capo lungo nei casi sia necessario garantire una perfetta stabilità di spalla per delle esigenze prestative importanti.

La fisioterapia di carattere conservativo si concentrerà sulle strutture rimaste per garantire la massima salute possibile in base agli obiettivi del paziente.

Nelle prime fasi riabilitative tramite utilizzo di terapie fisiche strumentali (laserterapia e/o InterX) viene trattato il sintomo doloroso; il fisioterapista si può avvalere anche di semplici esercizi a basso carico o di tecniche di terapia manuale.

In seguito, una volta sedato il dolore, la rieducazione si concentrerà sul dare maggior stabilità alla spalla con le strutture che sono rimaste: il terapista prescriverà esercizi di rinforzo della cuffia dei rotatori a diversa resistenza (elastica, isotonica e isoinerziale) e esercizi propriocettivi. Verrà inoltre rieducata la flessione e supinazione di gomito.

Ultima fase della riabilitazione verterà sul recupero del gesto sportivo o lavorativo specifico mimando il più possibile la gestualità che il paziente dovrà ritornare a svolgere numerose volte durante la giornata.

risolvi il tuo problema

IN 2 SEMPLICI PASSAGGI

1

Scegli il

FISIOTERAPISTA

tra i nostri specialisti
Scegli il

CENTRO

più vicino a te

2