fbpx
stop al dolore

Visita ortopedica della spalla

Valutazione della spalla durante una visita ortopedica
Valutazione della spalla durante una visita ortopedica
L’articolo ti è stato d’aiuto?
condividilo sui canali social
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

La valutazione ortopedica nelle patologie di spalla ha come obiettivo principale l’esclusione della possibilità di intervenire in modalità cruenta o chirurgica. Il bravo chirurgo ortopedico è quello che riesce a operare meno pazienti possibile cercando di organizzare insieme all’equipe fisioterapica dei trattamenti conservativi che soddisfino gli obiettivi di medico e paziente.

Ricordiamo che l’intervento chirurgico rappresenta l’ultima opzione per la risoluzione delle problematiche del paziente in quanto comporta sempre dei rischi:

  • Infezione: pur essendo una percentuale molto piccola, si tratta comunque di una possibile complicanza. Solo per il fatto di aprire la cute e i tessuti sottostanti. Si può infettare la ferita o i tessuti che sono stati esposti durante l’operazione. In generale sono trattate con antibiotici.
  • Disfunzioni dell’impianto: nel caso si tratti di protesi di spalla anatomiche o inverse esiste la probabilità che la protesi si deteriori o si mobilizzi. In questo caso è necessario fare un secondo intervento per correggere l’anomalia.
  • Dolore continuo: un piccolo numero di pazienti continua a fare esperienza dei sintomi dolorosi anche dopo l’intervento, sia nelle ore diurne che notturne. La maggioranza degli operati riferisce però un netto miglioramento dei sintomi.
  • Traumi neuro vascolari: durante l’intervento si opera in spazi vicini a strutture vascolari o nervose che se lese possono provocare sintomi più o meno gravi. In base all’entità della lesione i sintomi regrediscono più o meno velocemente. Nella chirurgia di spalla sono riportati pochissimi casi di anomalie di questo genere.

Come detto in precedenza la brava equipe è quella che riesce a risolvere il problema dei pazienti limitando il numero di interventi chirurgici. Purtroppo ci sono alcune casistiche di traumi o patologie i cui trattamenti conservativi fisioterapici hanno una bassa percentuale di successo e quindi si sceglie di procedere per via cruenta:

  • Gravi fratture: in base all’entità del trauma, la componente ossea e tendinea può non essere più in grado di funzionare nonostante la fisioterapia. La spalla perde la capacità di erogare forze corrette tramite i muscoli e tendini della cuffia dei rotatori o la capacità di fare fulcro perfetto fra la testa omerale e la glena scapolare.
  • Lesioni massive della cuffia dei rotatori: in questi casi la cuffia dei rotatori non riesce a garantire una stabilità sufficiente della testa omerale durante i movimenti di spalla. In genere si tratta di lesioni di oltre il 50% della cuffia.
  • Osteoartrosi: si tratta di una patologia che colpisce in genere persone sopra i 50 anni. Talvolta possono essere colpiti anche soggetti giovani. Riguarda la perdita della cartilagine articolare fra omero e scapola: questo assottigliamento nel tempo fa perdere anche le normali forme delle superfici articolari di omero e glena. Con il passare del tempo la spalla diventa rigida e dolorosa.
  • Necrosi vascolare: è la perdita di tessuto osseo della testa dell’omero a causa di una diminuzione o cessazione dell’afflusso sanguigno. Questa condizione si può verificare a causa di gravi fratture, uso persistente di corticosteroidi o patologie del sangue.
  • Revisione o fallimento di un precedente intervento: purtroppo come detto prima ogni intervento comporta dei rischi. Talvolta può essere necessario un secondo intervento. Le cause più comuni di re intervento sono infezioni, deterioramento del materiale a causa dell’usura o mobilizzazioni dell’impianto.

Come si decide quando operare la spalla?

Il percorso decisionale che porta il medico chirurgo a una risposta è composto da 4 fasi.

  1. Raccolta dati o anamnesi: l’ortopedico ascolta la storia del paziente (modalità di trauma, tipologia di dolore e altre sensazioni associate, movimenti anomali o impossibilitati) e annota i dati personali significativi (sesso, età, fumo, altre patologie sistemiche, impiego, hobby e sport). Il paziente in un primo momento verrà lasciato libero di esporre il proprio caso, in seguito il medico lo sottoporrà ad alcune domande nel caso volesse indagare più a fondo alcuni aspetti non ancora ben chiari.
  2. Test funzionali: al paziente verrà richiesto di riprodurre i movimenti dolorosi. In seguito l’ortopedico sosterrà delle mobilizzazioni dell’articolazione della spalla per indagare a fondo quali strutture possono essere la causa dei sintomi lamentati dal paziente: alcune fra queste potranno essere più o meno dolorose. Le movimentazioni saranno sia totalmente passive che attive.
  3. Valutazione ecografica in real-time: l’ortopedico osserverà in seduta diretta l’articolazione e le strutture della spalla con l’aiuto di un ecografo. Questo strumento utilizzato in prima seduta valutativa permette di chiarificare le ipotesi diagnostiche che l’ortopedico aveva ipotizzato nelle 2 fasi precedenti della valutazione. Da’ inoltre una valutazione oggettiva della qualità dei tessuti della spalla del paziente. L’osservazione tramite sonda ecografica può essere fatta sia in postura statica che durante i movimenti dolorosi del paziente permettendo di avere il quadro completo della situazione attuale.
  4. Altri esami: nel caso la valutazione con ecografia non fosse sufficiente per arrivare a una decisione, il medico ortopedico può richiedere anche altri esami strumentali integrativi come RM, Tac o RX.

Al termine di questo percorso l’ortopedico ha tutti i dati necessari per prendere la decisione se consigliare al paziente di intervenire chirurgicamente o attraverso un percorso fisioterapico conservativo. La decisione finale si ricorda che è sempre in accordo col paziente.

risolvi il tuo problema

IN 2 SEMPLICI PASSAGGI

1

Scegli il

FISIOTERAPISTA

tra i nostri specialisti
Scegli il

CENTRO

più vicino a te

2