fbpx
stop al dolore

Visita ortopedica con ecografia alla spalla

Localizzazione del dolore alla spalla
Localizzazione del dolore alla spalla
L’articolo ti è stato d’aiuto?
condividilo sui canali social
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

La visita ortopedica con ecografia permette al chirurgo esperto in ecografia clinica e interventistica di poter fare diagnosi immediata di ogni patologia di spalla, degenerativa o traumatica, oltre a poter effettuare, già in sede di visita, infiltrazioni e trattamenti ecoguidati.

In particolare permette di valutare con precisione il percorso diagnostico-terapeutico per:

  • lesioni e patologie della cuffia dei rotatori sportive o degenerative
  • patologie ossee di tipo traumatico, come le fratture occulte del trochite, la frattura di Hill-Sachs, le lussazioni traumatiche, le fratture da stress acromiali nelle protesi inverse
  • patologie degenerative, come l’artrosi primaria
  • patologie del capolungo del bicipite e delle borse di scorrimento
  • instabilità di spalla e lussazione
  • tendinopatie calcifiche

L’uso dell’ecografia durante la visita permette anche di monitorare le evoluzioni della patologia. Per esempio, nella tendinopatia calcifica di spalla, è possibile identificare i vari stadi della calcificazione e capire quando effettuare lo svuotamento-lavaggio ecoguidato della calcificazione o quando utilizzare terapie fisiche come le onde d’urto

Visita ortopedica classica e con ecografia alla spalla a confronto

Rispetto alla visita classica, la visita con ecografia eseguita dal chirurgo di spalla esperto di ecografia permette di:

  1. valutare la spalla del paziente anche in presenza di dolore o rigidità di spalla (spalla acuta), in cui i test clinici sono impossibili da effettuare. Questo permette di valutare anche la dinamica della spalla, confrontandola con la spalla controlaterale sana o asintomatica, consentendo così un esame comparativo delle due spalle
  2. ottenere informazioni immediate per decidere il percorso clinico-terapeutico del paziente
  3. diagnosticare la presenza e l’entità di lesioni
  4. ridurre il ricorso ad esami come la risonanza magnetica, da effettuare solo in casi specifici
  5. accelerare i tempi della decisione terapeutica (farmacologico-infiltrativa, chirurgica, riabilitativa)
  6. effettuare infiltrazioni ecoguidate immediate con acido ialuronico, artrocentesi in caso di versamento borsitico o articolare (in questo modo si risolve il dolore e spesso anche la rigidità da infiammazione)
  7. monitorare la patologia del paziente nel pre-operatorio e nel post-operatorio, pianificare la riabilitazione, la ripresa di attività sportive o lavorative da sforzo in base alla guarigione della cicatrice tendinea, rispettando i tempi biologici di guarigione del paziente.

Vantaggi immediati o in tempi brevi

Già con la prima visita ortopedica con ecografia, i vantaggi per il paziente sono:

  • miglioramento del dolore;
  • prescrizione specifica di eventuali terapie fisiche, antalgiche e farmacologiche (possono variare in base alla patologia e alla diagnosi);
  • gestione efficace del dolore di spalla non strettamente correlato all’entità della lesione.

Bibliografia:

1. Chiu CH et al. Shoulder ultrasonography performed by orthopedic surgeons increases efficiency in diagnosis of rotator cuff tears. J Orthop Surg Res. 2017 Apr 20;12(1):63.

2. Ottenheijm RP et al. Ultrasound imaging to tailor the treatment of acute shoulder pain: a randomised controlled trial in general practice. BMJ Open. 2016 Nov 21;6(11):e011048.

risolvi il tuo problema

IN 2 SEMPLICI PASSAGGI

1

Scegli il

FISIOTERAPISTA

tra i nostri specialisti
Scegli il

CENTRO

più vicino a te

2